ALP FFIRS

Alpine Forest FIre waRning System - Sistema di allerta per gli incendi boschivi nelle Alpi

ALP FFIRS

Acronimo / Riferimento

ALP FFIRS

Titolo

Alpine Forest FIre waRning System - Sistema di allerta per gli incendi boschivi nelle Alpi

Durata

2009 - 2012

Programma

Interreg IIIB Spazio Alpino

Riassunto

Il progetto ha l'obiettivo di migliorare le azioni di prevenzione degli incendi, tenendo conto anche dell'effetto del cambiamento climatico nell'arco alpino, attraverso la creazione di un sistema di allerta comune, basato su condizioni meteorologiche. Il regime di incendi in ciascuna area è il risultato di un complesso di interazioni fra condizioni dei combustibili, topografiche, di innesco, meteorologiche e sociali. L'analisi dei dati relativi alla frequenza degli incendi ed alla loro distribuzione fornirà una base per la scelta e taratura dell'indice di pericolo di incendio per tutta la regione alpina. La definizione di un'unica scala di pericolo di incendio per le foreste alpine supporterà l'interpretazione delle soglie di pericolo migliorando le azioni in emergenza e l'efficacia delle procedure operative. In seguito al dibattito relativo al cambiamento climatico, nell'ultimo decennio la tematica degli incendi boschivi nella regione alpina ha assunto importanza a causa degli effetti potenzialmente in grado di influenzare il cambiamento climatico stesso. Il progetto punta a costituire nella regione alpina una rete orientata alla riduzione degli impatti provocati dagli incendi boschivi che, sulla base di politiche condivise di gestione e prevenzione del rischio, promuoverà aiuto reciproco nelle azioni di prevenzione, addestramento e lotta attiva.

Parole chiave

Gestione del rischio / prevenzione - Gestione delle risorse naturali - Cambiamenti climatici - Incendi boschivi - Spazio alpinoi

Capofila

Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale (ARPA) del Piemonte - Dipartimento Sistemi Previsionali (Torino, Piemonte, Itaia)

Partner

Partner:
Italia:

  • Arpa Piemonte, Regional Agency for Environmental Protection of Piedmont
  • Regione Piemonte - Forest Policy Dept.
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Regional Civil Protection
  • Regione Veneto - Civil defense project unit
  • ERSAF Lombardia - Regional Agency for Development of Agriculture and Forestry
  • Regione Autonoma Valle d'Aosta - Centro Funzionale regionale - Dipartimento difesa del suolo e risorse idriche

Slovenia:

  • Slovenian Forestry Institute
  • Regional development agency of Gorenjska region - BSC, Business support centre ltd. Kranj

Francia:

  • CEREN Test and Research Center of the Entente for the Mediterranean Forest

Austria:

  • ZAMG Central Institute for Meteorology and Geodynamics
  • University of Natural Resources and Applied Life Sciences, Department of Forest and Soil Sciences, Institute of Silviculture

Germania:

  • Technical University of Munich, Institute of Ecoclimatology

Svizzera:

  • WSL Swiss Federal Research Institute (CH)
  • Sezione forestale cantonale, Divisione dell'ambiente, Dipartimento del Territorio, Cantone Ticino
  • Fire brigade federation of Canton Ticino


Osservatori:
- National Department for civil Protection (I)
- Global Fire Monitoring Center (D)
- Meteoswiss (CH)
- Environmental Agency of Slovenia (SI)
- Amt fur Wald Graubunden (CH)
- Bavarian Ministry of Food, Agriculture and Forestry (D)
- Canton du Valais (CH)
- Préfecture Provence-Alpes-Côte d'Azur (F)
- Regione Lombardia (I)
- Météo-France (F)
- Federal Office for the Environment (CH)
- Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione centrale risorse agricole, naturali e forestali (I)


Partner locali:
- IPLA, Institute for forestry and environment (I)
- ARPA Lombardia, Environmental Protection Regional Agency (I)
- University of Padua, Department of Land and Agroforestry Systems (TESAF) (I)
- ARPAV, Regional Agency for Environmental Protection and Prevention of the Veneto (I)

Contatti

In Italia:
  • Arpa Piemonte, Sistemi Previsionali, Torino: sistemi.previsionali@arpa.piemonte.it
  • Piemonte Region - Forest Policy Dept. : federico.pelfini@regione.piemonte.it 
  • Autonomous Region Friuli Venezia Giulia - Regional Civil Protection : nadia.dinarda@protezionecivile.fvg.it
  • Veneto Region - Civil defense project unit: emanuela.ramon@regione.veneto.it
  • ERSAF Lombardia: Bruna.Comini@ersaf.lombardia.it
  • Regione Autonoma Valle d'Aosta - Centro Funzionale regionale - Dipartimento difesa del suolo e risorse idriche: s.ratto@regione.vda.it

In Francia:

  • CEREN, Gardanne (Bouches du Rhône) : a.mangiavillano@valabre.com

In Svizzera :

  • WSL Swiss Federal Research Institute: marco.conedera@wsl.ch
  • Fire brigade federation of Canton Ticino: daniele.ryser@regionemalcantone.ch
  • Sezione forestale cantonale, Divisione dell'ambiente, Dipartimento del Territorio, Cantone Ticino : aron.ghiringhelli@ti.ch

Bilancio totale del progetto

2.868.159 €

Quota FEDER (€)

2.074.160 €

Quota FEDER (%)

72%

Coordinamento

ARPA Piemonte

Regioni coinvolte

PACA, Valle d'Aosta, Piemonte, Vallese (cantone)

Territori studiati

Alpes Maritimes (06), Cuneo, Torino, Verbano-Cusio-Ossola

Località di studio

Regioni alpine dei paesi alpini (Francia, Italia, Svizzera, Germania, Austria, Slovenia)

Tipi di rischi

Incendi boschivi, Clima e rischi naturali

Tematiche

Pianificazione del territorio, Conoscenza dei fenomeni, Impatti del cambiamento climatico, Previsione dei rischi, Reti di osservazione e di misura, Ritorno di esperienza, Siti pilota, Monitoraggio dei rischi (monitoring), Sistemi di allarme

Obiettivi

Il principale obiettivo del progetto ALP FFIRS consiste nel controllo e nella riduzione del rischio di incendio boschivo in ambiente alpino, attraverso azioni di prevenzione propedeutiche anche al pronto intervento. Scopo del progetto è lo sviluppo di un servizio innovativo multidisciplinare, a supporto della gestione degli incendi, con particolare riferimento alle attività di prevenzione e di riduzione degli impatti sulle foreste alpine. L'obiettivo ambizioso di ALP FFIRS è quello di creare un sistema di allerta condiviso per la valutazione e previsione del pericolo di incendio boschivo nell'intera regione alpina, tenendo conto delle condizioni meteorologiche e delle tipologie vegetazionali presenti. Il sistema di supporto alle decisioni si basa sul calcolo del livello di pericolo di incendio giornaliero e sulla previsione di tale indice al fine di individuare in anticipo le condizioni critiche favorevoli all'innesco ed allo sviluppo degli incendi. Il sistema interessa tutti i soggetti coinvolti nella prevenzione e nella lotta attiva agli incendi, compresa la popolazione, attraverso una più approfondita ed accurata previsione del pericolo di incendio. Metodologie simili ed azioni standardizzate potranno così essere assicurate, attraverso la cooperazione tra partner e la redazione di appositi piani di intervento.

Metodologia

Le azioni tecniche e scientifiche del progetto sono raggruppate nei seguenti Work Packages:

Informazione & Pubblicità (WP 3)

Implementazione del sistema di allerta (WP 4):

  • scala di pericolo per incendi boschivi unica e condivisa per la regione alpina
  • sistema di allerta comune per il pericolo di incendi boschivi per le Alpi, applicato localmente
  • database di dati meteorologici e di incendio, mappe integrate climatologiche e forestali
  • miglioramento del monitoraggio dei parametri meteorologici per la prevenzione degli incendi boschivi
  • condivisione degli approcci metodologici per la spazializzazione ad alta risoluzione dei dati meteorologici

Impatto del cambiamento climatico (WP 5):

  • database meteorologico per il periodo di controllo
  • scenari climatici regionali e metodologie condivise per il downscaling
  • studio statistico dell'impatto del cambiamento climatico sugli incendi forestali alpini
  • metodologia comune per valutare gli impatti futuri sugli incendi alpini dovuti ai cambiamenti nella vegetazione forestale, della copertura nevosa, delle condizioni socio-economiche e della frequenza dei fulmini
  • mappe della potenziale erosione del suolo sulle aree percorse da incendio

Procedure & Training (WP 6) :

  • protocollo di allerta comune e procedure operative conseguenti alle condizioni di rischio
  • misure di aiuto reciproco nella vigilanza e nell'estinzione
  • raccomandazioni per le istituzioni competenti
  • formazione per il personale operativo
  • linee guida per gli end-user

Risultati

  • Creazione di un database di incendi nelle Alpi sei paesi (Francia, Italia, Svizzera, Germania, Austria e Slovenia) nel periodo 2000-2009 e l'analisi statistica di questi dati
  • Il completamento di una scala comune di pericolo di innesco e propagazione di incendi boschivi, che riunisce in un unico documento i vari livelli di rischio e risposte adeguate
  • Creazione di una rete di utenti che comprende 49 persone in sei paesi
  • Raccolta delle procedure regionali / nazionali in materia di gestione dell'allerta, lotta e misure di prevenzione e analisi comparativa di queste procedure
  • Elaborazione di un calendario di esercitazioni sul campo (vedi esercitazione franco-italiana al col di Tenda preparata nella primavera del 2011 con la SDIS06)
  • Sviluppo di un "wiki" per confrontare gli indici di pericolo
  • Sistema di allerta comune per il pericolo di incendi boschivi per le Alpi, applicato localmente
  • Database di dati meteorologici e sviluppo di approcci metodologici per la spazializzazione ad alta risoluzione dei dati meteorologici
  • Iniziative di sensibilizzazione e divulgazione

Documenti

  • Sito web del progetto (EN, IT) con accesso ai documenti del progetto.
  • Brochure di progetto  (IT + FR + EN + DE + SL)
  • Press release
  • Newsletter
  • Rapporti finali a conclusione del progetto.

Tipi di prodotti

Attività di seminario, Aiuto alla decisione, Articoli scientifici, Banca dati, Cartografia, CD-Rom, Dati quantitativi, Software e codici di calcolo, Metodologia, Modellazione numerica, Presentazioni, Relazioni scientifiche, Raccomandazioni, Sito web, Video

Produzione scientifica

Metodologia innovativa, Produzione di conoscenze regionali e locali, Produzione di conoscenze pratiche ed operative

Utenti

I vigili del fuoco e personale AIB, forestali, politici, ricercatori, amministratori..

Ripercussioni

Impatto sulle politiche (maggior numero di protocolli di cooperazione transfrontaliera ed interregionale, esercitazioni comuni permanenti, continuità nella messa in comune di dati/metodologie di prevenzione e soppressione, revisione delle politiche di informazione e coinvolgimento della popolazione, inclusione di pratiche specifiche nei piani di adattamento al cambiamento climatico.

Pubblicazioni e comunicazioni

Articoli:


Presentazioni:

Ljubljana 15-16/06/2010:

 

Pagine / siti web

Sito web del progetto: www.alpffirs.eu

Presentazione del progetto sul sito Alpine Space (EN):
- Brochure ALPFFIRS :  IT + FR +EN + DE + SL

Presentazione del progetto sul sito di CEREN (FR)

Presentazione del progetto sul sito della ARPA Lombardia (IT)

Presentazione del progetto sul sito della  Regione Veneto (IT)

Presentazione del progetto sul sito dell'ERSAF Lombardia (IT)

Presentazione del progetto sul sito della  Protezione Civile della Regione Friuli Venezia Giulia (IT) e foto esercitazione

Presentazione del progetto sul sito del WSL (IT)

Presentazione del progetto sul sito dell'Università Tecnica di Monaco (D)

Presentazione del progetto sul sito dell'Università BOKU di Vienna (A)

Vidéo online sul sito web della Commissione europea (EN)

...
ALP FFIRS

Acronimo / Riferimento

ALP FFIRS

Titolo

Alpine Forest FIre waRning System - Sistema di allerta per gli incendi boschivi nelle Alpi

Durata

2009 - 2012

Programma

Interreg IIIB Spazio Alpino

Riassunto

Il progetto ha l'obiettivo di migliorare le azioni di prevenzione degli incendi, tenendo conto anche dell'effetto del cambiamento climatico nell'arco alpino, attraverso la creazione di un sistema di allerta comune, basato su condizioni meteorologiche. Il regime di incendi in ciascuna area è il risultato di un complesso di interazioni fra condizioni dei combustibili, topografiche, di innesco, meteorologiche e sociali. L'analisi dei dati relativi alla frequenza degli incendi ed alla loro distribuzione fornirà una base per la scelta e taratura dell'indice di pericolo di incendio per tutta la regione alpina. La definizione di un'unica scala di pericolo di incendio per le foreste alpine supporterà l'interpretazione delle soglie di pericolo migliorando le azioni in emergenza e l'efficacia delle procedure operative. In seguito al dibattito relativo al cambiamento climatico, nell'ultimo decennio la tematica degli incendi boschivi nella regione alpina ha assunto importanza a causa degli effetti potenzialmente in grado di influenzare il cambiamento climatico stesso. Il progetto punta a costituire nella regione alpina una rete orientata alla riduzione degli impatti provocati dagli incendi boschivi che, sulla base di politiche condivise di gestione e prevenzione del rischio, promuoverà aiuto reciproco nelle azioni di prevenzione, addestramento e lotta attiva.

Parole chiave

Gestione del rischio / prevenzione - Gestione delle risorse naturali - Cambiamenti climatici - Incendi boschivi - Spazio alpinoi

Capofila

Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale (ARPA) del Piemonte - Dipartimento Sistemi Previsionali (Torino, Piemonte, Itaia)

Partner

Partner:
Italia:

  • Arpa Piemonte, Regional Agency for Environmental Protection of Piedmont
  • Regione Piemonte - Forest Policy Dept.
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Regional Civil Protection
  • Regione Veneto - Civil defense project unit
  • ERSAF Lombardia - Regional Agency for Development of Agriculture and Forestry
  • Regione Autonoma Valle d'Aosta - Centro Funzionale regionale - Dipartimento difesa del suolo e risorse idriche

Slovenia:

  • Slovenian Forestry Institute
  • Regional development agency of Gorenjska region - BSC, Business support centre ltd. Kranj

Francia:

  • CEREN Test and Research Center of the Entente for the Mediterranean Forest

Austria:

  • ZAMG Central Institute for Meteorology and Geodynamics
  • University of Natural Resources and Applied Life Sciences, Department of Forest and Soil Sciences, Institute of Silviculture

Germania:

  • Technical University of Munich, Institute of Ecoclimatology

Svizzera:

  • WSL Swiss Federal Research Institute (CH)
  • Sezione forestale cantonale, Divisione dell'ambiente, Dipartimento del Territorio, Cantone Ticino
  • Fire brigade federation of Canton Ticino


Osservatori:
- National Department for civil Protection (I)
- Global Fire Monitoring Center (D)
- Meteoswiss (CH)
- Environmental Agency of Slovenia (SI)
- Amt fur Wald Graubunden (CH)
- Bavarian Ministry of Food, Agriculture and Forestry (D)
- Canton du Valais (CH)
- Préfecture Provence-Alpes-Côte d'Azur (F)
- Regione Lombardia (I)
- Météo-France (F)
- Federal Office for the Environment (CH)
- Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione centrale risorse agricole, naturali e forestali (I)


Partner locali:
- IPLA, Institute for forestry and environment (I)
- ARPA Lombardia, Environmental Protection Regional Agency (I)
- University of Padua, Department of Land and Agroforestry Systems (TESAF) (I)
- ARPAV, Regional Agency for Environmental Protection and Prevention of the Veneto (I)

Contatti

In Italia:
  • Arpa Piemonte, Sistemi Previsionali, Torino: sistemi.previsionali@arpa.piemonte.it
  • Piemonte Region - Forest Policy Dept. : federico.pelfini@regione.piemonte.it 
  • Autonomous Region Friuli Venezia Giulia - Regional Civil Protection : nadia.dinarda@protezionecivile.fvg.it
  • Veneto Region - Civil defense project unit: emanuela.ramon@regione.veneto.it
  • ERSAF Lombardia: Bruna.Comini@ersaf.lombardia.it
  • Regione Autonoma Valle d'Aosta - Centro Funzionale regionale - Dipartimento difesa del suolo e risorse idriche: s.ratto@regione.vda.it

In Francia:

  • CEREN, Gardanne (Bouches du Rhône) : a.mangiavillano@valabre.com

In Svizzera :

  • WSL Swiss Federal Research Institute: marco.conedera@wsl.ch
  • Fire brigade federation of Canton Ticino: daniele.ryser@regionemalcantone.ch
  • Sezione forestale cantonale, Divisione dell'ambiente, Dipartimento del Territorio, Cantone Ticino : aron.ghiringhelli@ti.ch

Bilancio totale del progetto

2.868.159 €

Quota FEDER (€)

2.074.160 €

Quota FEDER (%)

72%

Coordinamento

ARPA Piemonte

Regioni coinvolte

PACA, Valle d'Aosta, Piemonte, Vallese (cantone)

Territori studiati

Alpes Maritimes (06), Cuneo, Torino, Verbano-Cusio-Ossola

Località di studio

Regioni alpine dei paesi alpini (Francia, Italia, Svizzera, Germania, Austria, Slovenia)

Tipi di rischi

Incendi boschivi, Clima e rischi naturali

Tematiche

Pianificazione del territorio, Conoscenza dei fenomeni, Impatti del cambiamento climatico, Previsione dei rischi, Reti di osservazione e di misura, Ritorno di esperienza, Siti pilota, Monitoraggio dei rischi (monitoring), Sistemi di allarme

Obiettivi

Il principale obiettivo del progetto ALP FFIRS consiste nel controllo e nella riduzione del rischio di incendio boschivo in ambiente alpino, attraverso azioni di prevenzione propedeutiche anche al pronto intervento. Scopo del progetto è lo sviluppo di un servizio innovativo multidisciplinare, a supporto della gestione degli incendi, con particolare riferimento alle attività di prevenzione e di riduzione degli impatti sulle foreste alpine. L'obiettivo ambizioso di ALP FFIRS è quello di creare un sistema di allerta condiviso per la valutazione e previsione del pericolo di incendio boschivo nell'intera regione alpina, tenendo conto delle condizioni meteorologiche e delle tipologie vegetazionali presenti. Il sistema di supporto alle decisioni si basa sul calcolo del livello di pericolo di incendio giornaliero e sulla previsione di tale indice al fine di individuare in anticipo le condizioni critiche favorevoli all'innesco ed allo sviluppo degli incendi. Il sistema interessa tutti i soggetti coinvolti nella prevenzione e nella lotta attiva agli incendi, compresa la popolazione, attraverso una più approfondita ed accurata previsione del pericolo di incendio. Metodologie simili ed azioni standardizzate potranno così essere assicurate, attraverso la cooperazione tra partner e la redazione di appositi piani di intervento.

Metodologia

Le azioni tecniche e scientifiche del progetto sono raggruppate nei seguenti Work Packages:

Informazione & Pubblicità (WP 3)

Implementazione del sistema di allerta (WP 4):

  • scala di pericolo per incendi boschivi unica e condivisa per la regione alpina
  • sistema di allerta comune per il pericolo di incendi boschivi per le Alpi, applicato localmente
  • database di dati meteorologici e di incendio, mappe integrate climatologiche e forestali
  • miglioramento del monitoraggio dei parametri meteorologici per la prevenzione degli incendi boschivi
  • condivisione degli approcci metodologici per la spazializzazione ad alta risoluzione dei dati meteorologici

Impatto del cambiamento climatico (WP 5):

  • database meteorologico per il periodo di controllo
  • scenari climatici regionali e metodologie condivise per il downscaling
  • studio statistico dell'impatto del cambiamento climatico sugli incendi forestali alpini
  • metodologia comune per valutare gli impatti futuri sugli incendi alpini dovuti ai cambiamenti nella vegetazione forestale, della copertura nevosa, delle condizioni socio-economiche e della frequenza dei fulmini
  • mappe della potenziale erosione del suolo sulle aree percorse da incendio

Procedure & Training (WP 6) :

  • protocollo di allerta comune e procedure operative conseguenti alle condizioni di rischio
  • misure di aiuto reciproco nella vigilanza e nell'estinzione
  • raccomandazioni per le istituzioni competenti
  • formazione per il personale operativo
  • linee guida per gli end-user

Risultati

  • Creazione di un database di incendi nelle Alpi sei paesi (Francia, Italia, Svizzera, Germania, Austria e Slovenia) nel periodo 2000-2009 e l'analisi statistica di questi dati
  • Il completamento di una scala comune di pericolo di innesco e propagazione di incendi boschivi, che riunisce in un unico documento i vari livelli di rischio e risposte adeguate
  • Creazione di una rete di utenti che comprende 49 persone in sei paesi
  • Raccolta delle procedure regionali / nazionali in materia di gestione dell'allerta, lotta e misure di prevenzione e analisi comparativa di queste procedure
  • Elaborazione di un calendario di esercitazioni sul campo (vedi esercitazione franco-italiana al col di Tenda preparata nella primavera del 2011 con la SDIS06)
  • Sviluppo di un "wiki" per confrontare gli indici di pericolo
  • Sistema di allerta comune per il pericolo di incendi boschivi per le Alpi, applicato localmente
  • Database di dati meteorologici e sviluppo di approcci metodologici per la spazializzazione ad alta risoluzione dei dati meteorologici
  • Iniziative di sensibilizzazione e divulgazione

Documenti

  • Sito web del progetto (EN, IT) con accesso ai documenti del progetto.
  • Brochure di progetto  (IT + FR + EN + DE + SL)
  • Press release
  • Newsletter
  • Rapporti finali a conclusione del progetto.

Tipi di prodotti

Attività di seminario, Aiuto alla decisione, Articoli scientifici, Banca dati, Cartografia, CD-Rom, Dati quantitativi, Software e codici di calcolo, Metodologia, Modellazione numerica, Presentazioni, Relazioni scientifiche, Raccomandazioni, Sito web, Video

Produzione scientifica

Metodologia innovativa, Produzione di conoscenze regionali e locali, Produzione di conoscenze pratiche ed operative

Utenti

I vigili del fuoco e personale AIB, forestali, politici, ricercatori, amministratori..

Ripercussioni

Impatto sulle politiche (maggior numero di protocolli di cooperazione transfrontaliera ed interregionale, esercitazioni comuni permanenti, continuità nella messa in comune di dati/metodologie di prevenzione e soppressione, revisione delle politiche di informazione e coinvolgimento della popolazione, inclusione di pratiche specifiche nei piani di adattamento al cambiamento climatico.

Pubblicazioni e comunicazioni

Articoli:


Presentazioni:

Ljubljana 15-16/06/2010:

 

Pagine / siti web

Sito web del progetto: www.alpffirs.eu

Presentazione del progetto sul sito Alpine Space (EN):
- Brochure ALPFFIRS :  IT + FR +EN + DE + SL

Presentazione del progetto sul sito di CEREN (FR)

Presentazione del progetto sul sito della ARPA Lombardia (IT)

Presentazione del progetto sul sito della  Regione Veneto (IT)

Presentazione del progetto sul sito dell'ERSAF Lombardia (IT)

Presentazione del progetto sul sito della  Protezione Civile della Regione Friuli Venezia Giulia (IT) e foto esercitazione

Presentazione del progetto sul sito del WSL (IT)

Presentazione del progetto sul sito dell'Università Tecnica di Monaco (D)

Presentazione del progetto sul sito dell'Università BOKU di Vienna (A)

Vidéo online sul sito web della Commissione europea (EN)

...
Banca dati progetti
Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Alcotra - Insieme oltre i confini Governo italiano Regione Valle d'Aosta Regione Piemonte Rhône-Alpes Dreal Rhône-Alpes
Provincia di Imperia Regione Liguria Région Paca Provincia di Cuneo Conséil Général Alpes Maritimes Dreal PACA
Conseil Général de la Savoie Conseil Général de Haute-Savoie Canton du Valais Bureau de Recherches Géologiques et Minières Centre Méditerranéen de l'Environnement Provincia di Torino